Ipnosi ed Energia del Sacro

Nel corso della storia dell’uomo, il credere ad un qualcosa di Mistico, di sovrannaturale, da dove tutto è iniziato (la vita, la creazione di tutto), è sempre stata presente e ha permeato costantemente la sua vita.



Il bisogno di affidarsi ad una entità superiore per protezione, aiuto, collaborazione è stato da sempre affermato da tutte le culture e civiltà che si sono susseguite nel corso dei tempi, e l’esigenza di poter interagire con esse ha creato una figura guida preposta al farlo: IL SACERDOTE.

Questa figura ancestrale aveva ed ha il compito di fare da tramite con gli Dei, o questa entità superiore, e per fare ciò, si creavano appositi riti e cerimoniali che avevano il compito di mettere in contatto il Sacerdote con il Dio di turno ed accedere ai suoi misteri, che potevano essere attingere alle forze della natura per propiziare, guarire oppure come tramite con i defunti.

Per fare ciò il Sacerdote entrava in uno stato particolare di “Estasi Mistica” che lo portava, probabilmente aiutato da suoni musicali come tamburi e strumenti da percussione, o da bevande allucinogene, ad entrare in uno stato modificato di coscienza che verosimilmente si poteva avvicinare allo stato di Trance che viene indotto con la tecnica dell’ipnosi ai giorni nostri.

Interessante è comprendere che col passare dei secoli il concetto di Stato modificato di coscienza è stato studiato ed interiorizzato da persone che hanno dedicato la loro vita alla conoscenza dei poteri Universali, ad interiorizzarli e renderli fruibili all’uomo.

Interessante è anche l’esigenza di questi ultimi di scegliere luoghi appositi ove praticare il loro servizio, iniziamo così a intravedere la connotazione di LUOGO SACRO, e su questi venivano officiati riti e pratiche, e tutti questi luoghi venivano scelti in base a criteri di erogazioni energetiche che aiutavano ad entrare in contatto con le Entità Supreme.

Ora noi sappiamo tutto questo grazie alla misurazione di queste energie che possono scaturire dalla madre Terra, dall’Universo, grazie ad una disciplina chiamata Radiestesia in grado di rilevare e definire il grado energetico e la sua qualità.

Non è qui il luogo per addentrarci in questa disciplina, ma essa ci sarà di grande aiuto durante tutto il corso dello studio che verrà eseguito in seguito.

Dalla storia delle Religioni si è tratta una conclusione: ogni sito Sacro è sempre stato “adottato” dalla nuova Religione entrante, che ricostruiva o adattava il luogo alle proprie esigenze come attuali ad esempio le Chiese Cristiane.

Abbiamo capito che il luogo Sacro serve da facilitatore per entrare in questo stato di coscienza modificato e lo studio che ho descritto in questa tesina serve proprio per testare il grado di induzione ipnotica dell’individuo e testarne l’eventuale campo energetico emanato in quel momento.


SPIEGAZIONE DEL METODO DI STUDIO ADOTTATO


PARTE PRIMA: TRANCE IPNOTICA “NEUTRA”


IL test viene effettuato con due soggetti con particolarità ben definite:

1° Soggetto: Flavia, ha già provato l’ipnosi, ha un grado di recettività ad entrare in trance molto alta, non ha nessuna difficoltà nel farlo.

2° Soggetto: Paolo, non ha mai provato nessuna tecnica ipnotica e quindi ho dovuto testare il suo grado di ipnotizzabilità con la tecnica delle dita calamitate. Il risultato è stato più che soddisfacente per cui ho chiesto a lui di collaborare in questo lavoro di studio.


ESECUZIONE PRIMA PARTE


La prima parte ha lo scopo di rilevare il campo energetico di un soggetto sottoposto ad una induzione ipnotica e quindi in trance, le rilevazioni vengono effettuate dal sottoscritto con l’uso di bacchette per ellemanzia e da Dario Vighetti radiestesista esperto con pendolo universale. Le rilevazioni vengono definite con il Biometro di Bovis.

Il luogo scelto per le induzioni è neutro, cioè un luogo comune, senza particolari interferenze magnetiche e in modalità uno alla volta.

Soggetto 1: Flavia è stata testata in 2 momenti, il primo prima di iniziare l’induzione e il rilevamento segnava con le bacchette da ellemanzia 7000 unità Bovis, mentre il pendolo rilevava 7500 unità bovis questa disparità è dovuta dal fatto che il pendolo Universale è molto più preciso mentre le bacchette sono più approssimative.

L’induzione ipnotica è iniziata e non ho avuto nessuna difficoltà nel portare Flavia in trance, essendo lei già abituata a farlo, il tempo trascorso per entrare in stato è 5 minuti e la tecnica usata è “il recupero di una risorsa”; la mia rilevazione mi dava 9000 unità Bovis, mentre il pendolo dava 12000 unità Bovis. Essendoci troppa disparità tra i due metodi di rilevazione (9000-12000) si è deciso di eliminare le bacchette da ellemanzia e di fare affidamento al solo pendolo Universale, strumento di alta precisione. Dunque, nel momento di trance più profonda il campo energetico di Irene è aumentato notevolmente.

Soggetto 2: Paolo anche lui è stato testato allo stesso modo e nello stesso punto dove è stato testato il primo soggetto. In condizioni normali il campo energetico di Paolo rilevato era di 8500 unità Bovis, la tecnica di induzione ipnotica è stata la stessa del primo soggetto (recupero di una risorsa), Paolo in un primo tempo ha fatto fatica ad entrare in stato di trance (vuoi che probabilmente, era la sua prima volta e quindi certe reticenze a lasciarsi andare sono comprensibili), il tempo messo per creare la trance è durato circa 15 minuti circa. La rilevazione del pendolo era di 12300 unità Bovis. Anche qui si è rilevato un notevole aumento del campo energetico.


In conclusione, della prima parte si può dedurre che i due soggetti sottoposti ad induzione ipnotica aumentavano il campo energetico in maniera esponenziale ma poco rilevante in quanto la unità Bovis allo stato normale di una persona si aggira dai 6500 ai 10000 unità Bovis.


ESECUZIONE SECONDA PARTE




La seconda parte è stata effettuata con la stessa metodica operativa della prima, con la sola differenza del diverso luogo di esecuzione, infatti si è scelto di eseguirla al centro della necropoli Neolitica di Vollein sita nel comune di Quart, in Valle d’Aosta (per eventuali info sul sito Archeologico: WIKIPEDIA NECROPOLI DI VOLLEIN).

Il sito è stato scelto perché facile da raggiungere e anche perché trattasi di un luogo sacro e quindi energeticamente importante.





Il sito è stato rilevato in prima istanza senza induzioni e la rilevazione del posto dava 14000 unita Bovis e quindi un segno particolare di un luogo sacro.

Soggetto 1: Flavia all’inizio di esperimento rilevava un campo energetico 8400 unità Bovis, ciò mi ha portato a pensare che già solo a sostare in un luogo sacro porta ad un aumento di energia vitale.

L’induzione ipnotica usata nella seconda parte è la stessa della prima (ho deciso di non cambiarla per non creare nessuna possibile distonia nei due soggetti soprattutto per Paolo che affrontava la sua seconda induzione. La stessa tecnica verrà riproposta anche nella terza parte)

Entrata in stato di trance ipnotica nel giro di pochissimo (un minuto e mezzo circa) il valore energetico rilevato è di 18000 Unità Bovis che corrisponde, sul biometro di Bovis alla salute spirituale.


Soggetto 2: Paolo anche lui è stato testato all’inizio e la rilevazione del suo campo energetico rilevava 9000 unità Bovis (pressoché uguale alla prima parte), una notevole differenza l’ho notata nel fatto che per entrare in trance Paolo ci ha messo 7 minuti di tempo e il suo valore energetico rilevato anche lui 18000 unità Bovis (anche lui in salute Spirituale).

In conclusione, in un luogo Sacro l’energia di cui è pervaso porta un individuo normale ad entrare in stato ipnotico più velocemente e raggiungere un livello di salute energetica iniziale. Senza induzione ipnotica si rileva comunque un valore più alto di energia.


ESECUZIONE TERZA PARTE



La terza parte viene eseguita in un Santuario Cristiano, IL Santuario di Plout (per eventuali informazioni sul luogo: WIKIPEDIA SANTUARIO DI PLOUT).


Già dal XIV secolo in questo luogo si venerava la Madonna di Plout quando vi si pose una statua in suo onore. Solo nel 1640 un muratore che si era rotto una gamba una volta guarito decise di costruire qui la prima cappella. Trattasi perciò di un luogo Storico, ma ciò che avvalora di più questa parte di esperimento, è il fatto che il Santuario sorge a sua volta su un antico luogo sacro del Celti Salassi III – II SEC A.C., e quindi secondo me, ancora più “energetico”.

Devo precisare anche, che il Santuario è stato scelto per osservare il grado di ipnotizzabilità di Paolo, fervente Cristiano, e la sua attitudine a “lasciarsi andare in profondità” in un luogo a lui conosciuto e “protetto”, e di cercare le eventuali diversità tra le due altre parti del caso-studio.

Si è proceduto a testare il Santuario e alle rilevazioni con il Pendolo si otteneva un risultato di 16000 Unità Bovis, stiamo parlando di una notevole energia Spirituale.


Soggetto 1: Flavia all’inizio dell’esperimento era calma, e dopo un minuto, un minuto e mezzo, entrava in uno stato di Trance ipnotica molto più profonda delle altre volte (questo è ciò che ha riferito lei), e la misurazione del suo campo energetico arrivava a 22000 Unità Bovis, rilevavo quindi una notevole salute Spirituale. Il suo “risveglio” è stato più lungo del solito, e il fatto mi ha fatto pensare che forse l’unione di due credenze religiose in un unico punto, potessero creare più possibilità di entrare in uno stato modificato di coscienza notevolmente profondo.

Soggetto 2: Paolo ha fatto una richiesta, e cioè di potere scegliere lui il posto più adatto per la seduta ipnotica e quindi, fatte le rilevazioni che non discostavano per nulla dalle 16000 Unità Bovis rilevate all’ inizio dell’esperimento, abbiamo deciso di iniziare. Come luogo è stato quindi scelto presso il piccolo Fonte Battesimale del Santuario.

Paolo ci ha messo prestissimo ad entrare in trance ipnotica (2 minuti in tutto)e la misurazione del suo campo energetico rilevava 21000 Unità Bovis anche lui in notevole Salute Spirituale, e anche per lui il “risveglio” è durato più a lungo.


CONCLUSIONE


Ci tengo a precisare, che il caso-studio è stato svolto il tutto “empiricamente”, e del tutto eseguita a fini conoscitivi e di studio, in quanto in assenza di un encefalografo non si può determinare il tracciato cerebrale di Flavia e Paolo nelle tre parti del caso, e quindi mancano dati scientifici, ma per quello che riguarda il campo energetico mi porta a trarre alcune teorie:

1) Il campo energetico normalmente cambia in base al posto dove ci si trova, e si accentua notevolmente quando si viene a contatto con dei Luoghi energetici Sacri.

2) Probabilmente anche il tipo di luogo Sacro influenza il soggetto in ipnosi, che quindi si lascia andare più facilmente ad entrare in trance ipnotica.

3) Possibile anche che l’unione di due credenze energetiche-religiose, possano aumentare di molto il campo energetico di un individuo in trance ipnotica, portandolo in un ancora più profondo rilassamento.

Una cosa curiosa è stata la scelta del luogo dell’esperimento scelto da Paolo, il Fonte Battesimale.

Da ricerche fatte ho scoperto che il Santuario di Plout era un Santuario “a Répit”, e cioè una Cappella del ritorno alla vita, ecco il perché, forse, della scelta fatta.


SPIEGAZIONE


Il diritto canonico permette che il battesimo possa essere somministrato, in casi estremi, anche da un laico a cui è consentito non utilizzare l’acqua benedetta. Ciò, nel corso dei secoli, ha reso estremamente raro il caso di bimbi morti, dopo la nascita, privi di battesimo. Ove ciò accadeva, però la famiglia aveva a trarne pessimi presagi. l’incapacità di quest’ultima di soddisfare una richiesta di salvezza del piccolo morto, infatti, veniva ritenuta una colpa e per questo si pensava che lo spirito del defunto potesse diventare un elemento di pericolo o di destabilizzazione per il nucleo familiare. Contro questa eventualità c’era poco da fare; esistevano tuttavia nell’arco alpino particolari luoghi sacri (santuari o cappellette, conosciute come "cappelle del ritorno alla vita") ove si pensava che, portando il bambino e sottoponendolo a particolari pratiche religiose, questi potesse rivivere per pochi minuti in modo da poterlo battezzare, per poi affidarlo, salvato, agli angeli del Paradiso. Nelle valli del Piemonte e in Valle d’Aosta questi santuari sono numerosi, particolarmente nell’area cuneese e nelle vicine Alpi francesi, ove la religiosità della gente assumeva molto spesso caratteristiche al limite della superstizione.

Cit. https://www.piemontesacro.it/santuari_a_repit/index.htm


STRUMENTI USATO PER TESTARE I SOGGETTI: Biometro energetico di Bovis


Biometro energetico di Bovis


Ringraziamenti doverosi li devo fare ai componenti del caso studio che sono:

Flavia, Paolo, e un grazie particolare va a Dario Vighetti, Radiestesista, un più che valido aiuto nelle misurazioni del campo energetico rilevato con il Pendolo Universale.



Massimo Desandré Lombard HypnoMental Coach




#ipnosi #pendolouniversale #energiadelsacro

20 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti